Archivio blog

giovedì 16 agosto 2012

Lo Zodiaco



E’ una fascia circolare immaginaria, avente una circonferenza di 360° ed un’ampiezza di 17°. Lo Zodiaco è attraversato dall’eclittica solare, la linea circolare lungo la quale si svolge il cammino apparente del Sole durante l‘anno. Venne ideato dagli antichi astronomi per poter studiare il movimento degli astri intorno alla Terra, infatti apparentemente tutti i pianeti del sistema solare si muovono all’interno di questa fascia. I dodici segni zodiacali sono le sezioni in cui è diviso lo Zodiaco, hanno un’estensione di 30° ciascuno e prendono nome ognuno da una costellazione, in cui gli antichi osservatori riconoscevano figure di animali o umane. Il simbolo grafico che rappresenta ciascun segno è una stilizzazione facilmente riconoscibile di queste figure delineate dalle stelle che formano le costellazioni. E’ però importante precisare che segni e costellazioni non coincidono: un tempo, gli uni e le altre, si sovrapponevano; ma, a causa di un movimento detto precessione degli equinozi ( movimento già noto agli antichi Egizi ), il punto Vernale Gamma ( o punto Equinoziale ), che è uno dei due punti in cui l’eclittica interseca l’equatore e che definisce il grado zero del primo segno, si sposta continuamente ( 1° circa ogni 72 anni) lungo le dodici costellazioni zodiacali in senso inverso rispetto all’ordine dei segni. Attualmente sta passando dai Pesci all’Acquario (cambia segno ogni 2.160 anni). La coincidenza dei segni con le costellazioni omonime avviene ogni 25.920 anni. L’astrologia s’interessa esclusivamente dei segni e trascura le costellazioni. Infatti alla base dello schema dello Zodiaco c’è il ciclo stagionale. Lo Zodiaco ci appare dunque come un vero e proprio viaggio simbolico: un percorso evolutivo compiuto attraverso dodici tappe complessive, suddivise in quattro fasi scandite dai solstizi e dagli equinozi. Alle nostre latitudini tali fasi sono associabili alle quattro stagioni.
All’interno dello Zodiaco cioè a 8,5° di ampiezza corre l’eclittica solare. Il Sole si sposta quindi, apparentemente ( perché il sistema solare è eliocentrico ed è la Terra che ruota intorno al Sole ) lungo la fascia dello Zodiaco avanzando di circa 1° al giorno. Appartenere ad un segno zodiacale significa allora essere nati il giorno in cui il Sole si trovava su un determinato grado dei 360° della fascia zodiacale e quindi in una delle dodici sezioni in cui essa è suddivisa. Anno solare e anno astrologico differiscono cronologicamente. Il primo grado dello Zodiaco infatti coincide con l’equinozio di primavera ovvero con il grado zero del segno dell’Ariete.
Ilaria C e Annaluce M

Follow by Email

Translate