domenica 17 dicembre 2017

In viaggio verso il 2018 ( a cura di Annaluce Maroncelli)



Quando si parla di “previsione” non si può non pensare al linguaggio astrologico che, attraverso le sue simbologie parla alla parte più profonda del nostro essere, se non altro per cercare di riconnetterci a quella dimensione ormai perduta,  a cui tuttavia tendiamo. Dando un’occhiata alle effemeridi che ci mostrano la decifrazione celeste del nostro stato terrestre, possiamo renderci conto che non siamo ancora vicini alla fine di una crisi, non solo finanziaria, che ormai ci accompagna da anni.  Plutone  in Capricorno e Urano in Ariete sono in quadratura  già dal 2009, aspetto che non si è ancora sciolto,  il passato transito di Giove in Bilancia lo ha per certi versi acutizzato e   l’ingresso  di Saturno in Capricorno enfatizzerà al massimo la necessità di impegno e sacrificio. Il trigono di Saturno (Sagittario)   e Urano (Ariete),  ha affievolito  quell’ideologia liberista che ci ha portato alla globalizzazione per un ritorno alla localizzazione,  come del resto si sta già delineando negli Stati Uniti e considerando poi che nel prossimo futuro i due pianeti continueranno il loro moto celeste  in   segni propizi a favorire politiche più protezioniste.  Il transito di Nettuno in Pesci e conseguente caos mondiale,   può aiutarci a   comprendere il cambio di rotta delle politiche americane del Presidente Trump, è  l’inizio di un mutamento mondiale,  si sta tentando di ritornare al vecchio ordine, alla necessità di riconquistare il controllo di una situazione che sembra sempre di più sfuggire di mano.     Le speranze di segnali distensivi  nel prossimo divenire possiamo affidarle al trigono che si formerà tra Giove in Scorpione e Nettuno Pesci , aspetto che si rifletterà sulle umane sorti già nella parte finale del 2017, e che potrebbe dare buona risoluzione  ad uno dei problemi  più difficili di questo decennio: l’emigrazione. Forse i flussi non diminuiranno, ma almeno potremo sperare in aiuti concreti di denaro concesso dalle istituzioni  alle nazioni che, come  l’Italia, si fanno carico del soccorso e ospitalità dei migranti.   Questo dialogo celeste tra Giove e Nettuno che si svolge tra l’ottavo e il dodicesimo settore dello zodiaco, sarà foriero anche di ben altri doni: la sensibilità,  e quei talenti misteriosi che in tanti aspettano di poter esprimere e manifestare. I presagi di  quell’Era dell’Acquario di cui già da tempo  si parla,    la capacità di entrare in relazione autentica con l’altro, condivisione, la presa di coscienza e accettazione delle diversità dei singoli,  la cooperazione per la realizzazione di   una società con finalità e progetti comuni che conducano ad un miglioramento sia delle condizioni di vita individuali che collettive.  Questo sarà il grande progetto acquariano  di Bene Comune e l’unica possibilità di  salvezza e redenzione per l’intera umanità.





martedì 25 luglio 2017

Amy Winehouse



A sei anni dalla scomparsa un ricordo di Amy Winehouse.
Vergine ascendente gemelli, luna in capricorno, il tema è fortemente segnato da Nettuno quadrato a sole/mercurio e trigono a venere/marte in leone, nonché congiunto per gradi alla luna.
Non c'è un pianeta personale compreso mercurio governatore del tema che non sia aspettato con Nettuno.
Sole/mercurio in quinta oltre che del grande bisogno di esprimersi in maniera creativa, ci parlano del rapporto col paterno fortemente idealizzato, un padre che probabilmente ad un certo punto perde di vista la fragilità e i bisogni affettivi della ragazza e si concentra sulla promozione della sua carriera artistica.
Nel docufilm a lei dedicato si evince chiaramente che il rapporto di Amy col genitore è inquinato dalla brama di successo e visibilità di quest'ultimo.
A conferma di ciò è la quarta casa in leone occupata da venere/marte.
Purtroppo o per fortuna Amy è un'artista vera bisognosa di esprimersi secondo i propri ritmi (vergine) e detesta essere imprigionata nelle regole dello starsystem.
La sua luna capricorno ci parla di una donna determinata, ambiziosa, ma anche molto diffidente e introversa.
La decima in acquario esige libertà assoluta e alla pressione Amy risponde con la fuga nelle droghe prima e nell'alcool poi.
La sesta casa è abitata da plutone, saturno, giove e urano oltre ad avere il segno dello scorpione intercettato . Impossibile per lei gestire la quotidianità con metodo, né tantomeno trovare un equilibrio nel rapporto col suo corpo.
Eccessi e crolli sono all'ordine del giorno.
Amy non voleva morire come confida alla migliore amica nell'ultima telefonata. Tuttavia il suo fisico era molto minato e qualsiasi sostanza assunta poteva esserle fatale.
Quel giorno il Nodo transitava in settima casa opposto a sé stesso.
L'ultima fuga era forse predestinata.


mercoledì 1 marzo 2017

Fabo dj



La storia di Fabo è particolarmente dolorosa, ma noi cerchiamo di analizzare il suo tema senza entrare nel merito delle polemiche che hanno accompagnato la sua scelta di porre termine alle sofferenze attraverso il suicidio assistito avvenuto in una clinica svizzera.
 Fabo è un acquario ascendente cancro, luna in bilancia.
Il tema è governato dalla luna in quarta casa (famiglia, radici, patria) gravemente lesa da mercurio e marte congiunti in settima casa. Un segno d'aria che ha quindi difficoltà a vivere la dimensione interiore, domestica osiamo dire che la sua luna richiede. Una persona con problemi ad esprimere a parole le emozioni e quasi a comprendere ciò che si agita dentro di lui.
Fabo brucia energie che possiede in quantità enorme avendo un grande trigono di fuoco nel tema composto da venere in ariete, saturno e nettuno. E' dotato di una resistenza fisica eccezionale (marte capricorno) e di una discreta ambizione. Si dedica a mille attività, il fare riempie la sua vita, è sicuramente alla ricerca spasmodica di una propria dimensione che lo faccia sentire libero da legami e responsabilità eccessive.. il suo urano governatore dell'acquario è in quadratura col sole, opposto a giove toro e quadrato a saturno. Questa configurazione è una croce fissa e come vedremo lo metterà in croce letteralmente... il sole in ottava è particolarmente complicato da vivere per un acquario.. l'ottava richiede la capacità di accettare il destino e tutte le trasformazioni che la vita ci presenta senza possibilità di sottrarsi... la morte, la perdita fanno parte della vita, nulla dura per sempre ci dice l'ottava casa, cambiamo forma, ma la sostanza rimane. L'acquario naturalmente è razionale e voglioso di libertà estrema specie in quinta casa dove pensa di essere libero di forgiare la vita a suo piacimento. Ma la croce fissa ci ricorda che abbiamo bisogno di stabilizzare le energie e trovare i nostri veri valori dentro di noi.
Il tema natale è un potenziale che deve esprimersi ma nessuno sa con quale intensità e a che livello (fisico, psicologico, spirituale) si manifesterà.
L'incidente terribile avvenuto nel giugno del 2014 spezza i sogni di Fabo. Diviene tetraplegico e cieco. Giove transita sull'ascendente e giove gravemente leso anch'esso nel tema simboleggia la vista..Simbolicamente Fabo non vede più fuori ed è costretto a guardarsi solo dentro. Circondato dai suoi affetti più cari la madre e la fidanzata entra nel tunnel della sofferenza.
Notiamo l'assenza del padre (di cui non abbiamo notizie) la cui figura resta misteriosa anche nel tema natale a causa del sole leso e di plutone in quarta.
dopo due anni con il sole che transita in bilancia trigono a sole radix Fabo torna a sperare... vuole liberarsi dal corpo che lo imprigiona e si organizza per realizzare il suo ultimo sogno.
Un aquario non rinuncia mai alla libertà e odia sentirsi in trappola. Ma davvero la morte lo ha reso libero? Non ci sentiamo in grado di rispondere a questa domanda e gli auguriamo buon viaggio ovunque egli si trovi.

Follow by Email

Translate