lunedì 15 aprile 2013

Pietro Maso libero dopo 22 anni di carcere. ( rubrica astro crime )


tema e transiti delitto

Visitate il nostro sito www.astrologiaumanistica.it

La notte del 17 aprile 1991 nella villetta di un paesino in provincia di Verona si consuma un macabro omicidio. Pietro Maso aiutato da tre suoi amici uccide i genitori allo scopo di impadronirsi dell'eredità. Cercano di costruirsi un alibi fingendo di essere andati in discoteca ma poco dopo crollano e confessano tutto.
Ma chi è Maso? E' un cancro con venere congiunta al sole, ascendente bilancia, luna toro in casa VII, mercurio leone al Mc opposto a marte e nodo nord in acquario in casa IV.
Pietro simboleggia appieno il lato ombra dell'archetipo venusiano; il suo tema è governato da venere maestra dell'ascendente che unita alla luna toro ci fa comprendere l'importanza della madre nella sua vita. Egli vive costantemente al di sopra delle sue possibilità poichè indossa abiti firmati e guida auto di lusso, ma in tutto questo anzichè essere osteggiato è pienamente appoggiato,o almeno questa è la sua percezione, dalla madre figura onnipresente (luna toro) che lo aiuta a confezionare i vestiti da lui stesso disegnati. Le due sorelle rimangono nell'ombra poichè lui è ultimogenito e attira su di sè l'attenzione eccessiva della mamma come unico maschio.
In famiglia la figura paterna rimane piuttosto assente se non a livello materiale (sole/giove), fornendo abbondanti mezzi di sussistenza derivanti dalla coltivazione di terreni a vigneto. Urano governatore della IV casa si trova in casa12 e il sole è in nona: questo padre è psicologicamente lontano e la mancanza di aspetti saturniani fa sì che Maso non abbia la coscienza del limite, il senso del dovere, il rispetto degli altri familiari e non. Il principio di piacere in assenza di un super-io forte si espande a dismisura ed è l'unico scopo della vita del ragazzo.
Bella vita, divertimenti, donne richiedono parecchio danaro e Pietro arriva a falsificare un assegno della madre per procurarselo.. Intanto elabora un piano che prevede l'eliminazione dei genitori e delle sorelle, ma i vari tentativi di attuarlo vanno a vuoto a causa della titubanza dell'amico Giorgio Carbognin che non se la sente di dare il primo colpo mortale.. L'omicidio è quindi ampiamente premeditato ma paradossalmente a forza di parlarne  le figure da uccidere non sono più viste come genitori ma come esseri quasi inanimati.. Pietro a causa del suo narcisismo non è in grado di costruire una relazione affettiva con alcuno e in quel periodo il transito di plutone in scorpione nella sua prima casa alimenta il suo bisogno di protagonismo sfrenato: gli altri sono visti come ostacoli alla sua affermazione e vanno eliminati.. Oltretutto Pietro rischia che la mamma scopra l'assegno falso ed è questo timore (insopportabile per un cancerino) che porta alla decisione finale.
Notiamo ancora che plutone in quel periodo aveva formato il trigono con sole/venere, l'opposizione con la luna (madre) e la quadratura con marte radix in casa IV(padre). Simbolicamente l'io prima casa ( fatto solo di immagine esteriore) di Pietro se voleva sopravvivere doveva annientare entrambi i genitori e così fece.
Quella notte tuttavia alle prese con la trasformazione del piano in realtà le cose non vanno come lui ha immaginato..Da notare che i suoi complici indossano maschere di carnevale, mentre lui è a viso scoperto (più tardi dirà che non ne aveva bisogno perchè la sua vita era una continua recita). Tutti i ragazzi Pietro compreso scoprono che uccidere è difficile e impiegano molto tempo prima di riuscire nel terribile piano.. i poveri genitori infatti si difendono in tutti i modi prima di soccombere. La simulazione di rapina non convince gli inquirenti che in poco tempo comprendono la terribile verità.
Ora Maso è un uomo libero dopo un percorso rieducativo e religioso in carcere e non è un caso che sia uscito con il transito di Plutone in capricorno opposto alla congiunzione sole/venere. Forse il carcere ha rappresentato per lui quel limite (saturno) che non aveva in famiglia e in questi anni plutone ha fatto una lunga opposizione al suo saturno radix gemelli sull'asse seconda/ottava che potrebbe aver agevolato la ricostruzione di una identità basata non più sulla esteriorità, ma su valori interiori. Rimane su di lui il marchio dell'efferato crimine commesso, egli stesso afferma di essere stato "il male assoluto" , ma questa discesa agli inferi potrebbe essere l'unica via per tornare a vedere la luce del sole.

domenica 14 aprile 2013

Sotto il segno del Toro


La vegetazione si espande, i fiori sbocciano e nel caldo sole di maggio si schiudono le uova, l'energia vitale si ordina armoniosamente nel Toro, simbolo della fertilità nel regno naturale che coincide con la primavera. La spinta energetica impressa dall'Ariete si espande traducendosi in materializzazione nel terreno segno del Toro. E' il simbolo della Madre Terra, il grembo fertile che ha ricevuto il seme e si prepara alla crescita. Insito nell'uomo è radicato un binomio inscindibile legato alla consapevolezza della propria sopravvivenza: il bue e la terra, fonti di vita, certamente se mancavano i frutti della terra e i bovini, gli uomini sarebbero andati incontro alla carestia e alla morte. Il geroglifo del Toro, ricorda la schematizzazione della testa di bue, di immediata percezione. il bue,  toro o vacca( graficamente nella pittura antica non è possibile giudicare il sesso del bovino) ben presto entrano nella mitologia  come simboli sacri di vita, nutrimento e messi in relazione a Dei maschili e femminili. Alla base del rapporto tra l'uomo e la vacca ci deve essere stato sicuramente un fondamento psicologico relativo al culto della Dea Madre. Quasi un rapporto di figlio con la madre. Il significato mitologico del Toro è vastissimo: esso appare in tutte le culture dell'area mediterranea come simbolo di fertilità e nutrimento materno. il culto di Mithra e il sacrificio del toro ci aiuta a comprendere la struttura psicologica e inconscia di questo tipo astrologico. Mitra era una divinità orientale, espressione del principio assoluto, il Logos, Dio stesso, senso dell'eternità in stretta relazione con Helios, il Sole. Nel culto di Mithra il toro viene sacrificato per simbolizzare il superamento degli istinti della dimensione immanente. Mithra uccide il toro considerato come mostro e ritenuto pericoloso, in questo si può intuire un vero e proprio meccanismo difensivo: la rimozione o annullamento e la sublimazione che l'uomo usa nel rapporto figlio-madre e figlio-padre, vede nel toro la madre (simbolo di fertilità), ma anche il padre, il maschile fecondante.
Il mito ci racconta che Mithra dopo aver catturato e soggiogato il toro si presenta al Sole e a lui si identifica e ne riceve gli attributi. Mithra rappresenta l'archetipo del figlicido, cioè dell'odio dei padri verso i figli e delle fantasie distruttive del genitore che teme di essere usurpato nel potere. Il Toro dunque contiene l'archetipo dell'energia istintuale indifferenziata: è in questo secondo segno  zodiacale che si determina la libido. Mithra vuole realizare la sua natura, onorare il suo nome che significa "sole" e "amore", per fare questo deve vincere proprio quell'aspetto che più lo trattiene lontano dal cielo, deve sacrificare l'istintuale che si identifica nella natura del Toro e quindi la polarità del supremo male (istinto bestiale) e del supremo bene (la catarsi, la vittoria sulle tentazioni, la trascendenza). Mithra abbatte il toro, rifiuta la profonda libido per accedere ai tesori custoditi nel Sole e da cui verrà incoronato per venire poi in possesso delle sue prerogative di potenza. Per questo motivo il Toro è considerato il segno dell'amore, del sacrificio e l'apoteosi della fusione mistica con la propria matrice, l'istinto sessuale, l'eros dionisiaco è sublimato e simbolizzato. Questo mito conferisce al Toro zodiacale un grande ruolo catartico e trasformatore, ma non sempre la sublimazione è raggiunta, allora molti soggetti lamentano il conflitto e spesso ne rimangono consapevolmente risucchiati, oppure reprimono l'istintuale e si aprono solo parzialmente alla trasformazione. Nel Toro, come secondo segno, in analogia alla seconda casa oroscopica si delinea il comportamento affettivo emozionale e sessuale dell'individuo, si deve quindi valutare se il desiderio/piacere viene appagato nel bambino oppure frustrato, se c'è la soddisfazione orale (allattamento) o la privazione, questa connotazione si rivelerà nella vita adulta in quei settori ove l'individuo ha oroscopicamente il segno del Toro. Cosi' se un individuo per esempio ha il segno nella settima casa cioè relativa al rapporto di coppia e alle associazioni, manifesterà in larga misura la propria organizzazione libidica acquisita più o meno soddisfatta nel rapporto con il partner.
La tipologia taurina è prevalentemente riferita al simbolo: costituzione robusta e notevole sviluppo del sistema osseo e muscolare. Il temperamento è malinconico, con spiccata tendenza al nervosismo e irritabilità. La risposta agli stimoli è lenta, e la reazione è spesso molto controllata o al contrario irruenta, ma inappropriata. Si potrebbe definirlo un vero ruminante psichico. Nasconde bene le sue inquietudini, ma si spaventa e disorienta facilmente. In genere meticoloso, abitudinario e adattabile a tutte le situazioni. La sua intelligenza è pratica e tutte le esperienze sono riportate alla dimensione concreta. La sensibilità non eccelle e in qualche caso è notevolmente egocentrico. Nella tipologia meno evoluta si evidenziano personalità che circoscrivono le loro esperienze e interessi al microcosmo del loro mondo familiare. Amano le consuetudini e i modelli affettivi ben saldi e tradizionali, non lasciano spazio alla fantasia, ma aderiscono in toto alla vita immediata, concreta e utilitaria. Nei soggetti più evoluti  il senso della vita è più impregnato di idealismo, possono essere molto ricettivi e pur cercando realtà e concretezza riescono ad interpretare la vita fuori da schemi usuali ed esprimono buon gusto, senso del bello e di tutto ciò che è esteticamente apprezzabile. L'affettività è di tipo passionale, l'oralità, pur sempre presente, può essere sublimata ed esprimersi  a livello intellettuale e creativo. In tutte le tipologie si riscontrano pazienza e stabilità del carattere, collera facile e forte concentrazione sugli aspetti concreti dell'esistenza.


 


venerdì 12 aprile 2013

Il mistero di Emanuela Orlandi


tema natale e transiti scomparsa

Il 22 giugno 1983 la cittadina vaticana Emanuela Orlandi dopo essersi recata alla consueta lezione di flauto non fa più ritorno a casa; ha solo 15 anni. A nulla valgono gli appelli del Pontefice Karol Woytila e i manifesti che tappezzano l'intera capitale.
Emanuela è un capricorno asc sagittario con sole e mercurio (acquario) in casa 2 e luna cancro in casa 8. Particolarmente leso è l'asse IV/X con plutone e urano retrogradi opposti a Chirone e saturno in IV. Quest'ultimo pianeta è in ariete quadrato alla luna e governa il sole che a sua volta è trigono alla congiunzione urano/plutone in vergine.
Il sole in casa 2 ci parla di un forte legame con il clan familiare e di un bisogno di sicurezza, ma è proprio in questo ambito che, a nostro avviso, si consuma la tragedia. Il padre lavora in Vaticano in contatto con le alte sfere del potere ecclesiastico. Involontariamente potrebbe essere stato lui la causa del rapimento.
La vita individuale della ragazza si intreccia ad un certo punto con avvenimenti molto più grandi di lei (urano/plutone in X casa). Chi possiede nel tema natale queste segnature specie se formano aspetti con i luminari è particolarmente soggetto a dover scoprire sè stesso e il proprio ruolo nel mondo attraverso situazioni ed eventi che assumono grande rilievo nella collettività cambiando a volte il corso della storia.
Non dimentichiamo che urano è sempre scoperta e illuminazione e plutone simboleggia l'ombra collettiva quando è collocato nell'ultimo quadrante del tema in cui assume un significato sociale.
Giove governatore dell'ascendente si trova poi nella nona casa che simboleggia l'ambiente ecclesiastico opposto a marte pesci a sua volta trigono a nettuno in casa 12. Paradossalmente la scomparsa della ragazza porta per la prima volta alla ribalta della cronaca problemi come la pedofilia, legami con la malavita, riciclaggio di capitali illeciti che costituiscono la grande ombra collettiva dello Stato Vaticano e che prima o poi dovranno essere affrontati seriamente.
I tempi sono maturi? C'è un transito in particolare che attira la nostra attenzione. Urano in ariete è esattamente congiunto a saturno radix di Emanuela nonchè trigono all'ascendente e a venere. Potrebbe simboleggiare la verità che si sta facendo largo in un ambiente rigido e autoritario (saturno) come quello Vaticano.
Qualcuno che conosce la verità potrebbe parlare anche non esponendosi in prima persona. A nostro avviso l'ingresso di urano in IV casa su saturno radix è l'inizio di un percorso di chiarezza che potrebbe trovare compimento nel momento in cui plutone in capricorno si congiungerà al sole della ragazza completando il percorso che iniziò proprio 30 anni or sono quando, in coincidenza con il rapimento, transitava in bilancia insieme a saturno in esatta quadratura al sole radix di Emanuela.

domenica 7 aprile 2013

Addio a Enzo Jannacci e Franco Califano.


Enzo Jannacci


Franco Califano

Visitate il nostro sito www.astrologiaumanistica.it


La notizia è rimbalzata sui social network alla vigilia di Pasqua. Entrambi ammalati si sono spenti a 1 giorno di distanza l'uno dall'altro il 29 e il 30 marzo.
Artisticamente avevano poco in comune almeno in superficie, ma scopriamo dai temi natali alcune analogie. Entrambi hanno il sole in quarta casa Gemelli Enzo e Vergine Franco in aspetto con nettuno. Da ciò deduciamo che sono state due persone molto legate alla figura paterna che, guarda caso, in entrambi i casi è un militare. il padre di Enzo era un ufficiale dell' areonautica e quello di Franco prestava servizio nell'esercito a Tripoli. Figure amate, ma allo stesso tempo lontane e idealizzate dalle quali entrambi hanno ereditato la vena artistica visti gli aspetti con nettuno. Ma la IV casa ha anche altre simbologie ad esempio le radici, la patria. Enzo e Franco sono stati per tutta la vita legati al luogo di origine Milano e Roma e hanno interpretato i disagi e la poesia della società in cui sono cresciuti. Sono stati entrambi vicini agli ultimi, ai socialmente più deboli e le loro canzoni sono divenute popolari tanto da essere citate nella nostra vita di tutti i giorni. Come dimenticare "Vengo anch'io...no tu no!" oppure "Tutto il resto è noia". Persona colta Enzo diplomato al conservatorio e medico chirurgo ha dovuto sempre fare i conti con la quadratura di Saturno in I al sole che esigeva competenza e preparazione in tutto ciò che affrontava. Franco invece è mentalmente molto più libero avendo il sole trigono a urano in casa 12 che lo rende assolutamente insofferente ad ogni forma di imposizione esterna. Un Giove importante per entrambi, in scorpione per Enzo in 9 che simboleggia anche i suoi studi e la professione medica e in aquario al Mc per Franco che ci parla ancora di libertà assoluta nel gestire la propria vita.
Due poeti più satirico e arguto Enzo mentre Franco più romantico : Il sole di Enzo è quadrato a nettuno in casa VII ; in lui c'è quindi un conflitto fra razionalità e sentimento che lo porta a utilizzare l'ironia come mezzo per distaccarsi dalle emozioni forti (ha anche uno stellium in cancro).
Franco invece ha il sole esattamente congiunto a Nettuno ed è quindi totalmente immerso in un mondo fatto di sogno e poesia anche se, essendo una vergine in fondo ha timore di perdersi e cerca di conservare la propria integrità emotiva non concedendosi mai ad un solo amore.. di qui la sua fama di eterno conquistatore e latin lover.
Ora che se ne sono andati ci accorgiamo che ci mancano, anche se le loro poesie accompagneranno sempre almeno quelli della nostra generazione.

giovedì 4 aprile 2013

Delitto di Garlasco: ricorso in Cassazione


tema Chiara

Alberto transiti delitto
                                                  Alberto transiti attuali

VISITA IL NOSTRO SITO www.astrologiaumanistica.it

Domani 5 aprile 2013 la Corte di Cassazione dovrà decidere sul ricorso presentato dalla procura di Milano contro Alberto Stasi unico indagato per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi. Nel marzo di quest'anno Alberto ha subito una condanna in appello per detenzione di materiale pedopornografico con sentenza che conferma quella emessa in primo grado.
I genitori di Chiara chiedono che vengano analizzati elementi a loro dire non ancora presi in considerazione nel giudizio di appello che ha assolto Stasi.
Alberto è un cancro ascendente scorpione con sole/mercurio/marte in ottava casa. La luna è in toro casa VII e venere in leone congiunta al Mc.
Plutone maestro dell'ascendente è congiunto a saturno sulla cuspide della casa 12.
La personalità del ragazzo è molto introversa a causa dello stellium in 8 casa e dell'ascendente. Egli è intimorito nel mostrare i suoi lati più intimi agli altri soprattutto ai genitori e alla fidanzata.
La presenza dello stellium cancerino ci fa pensare ad una attrazione particolare (mercurio/marte) per la fanciullezza e la pubertà cosa che spiegherebbe la condanna per le foto rinvenute nel pc.
Plutone/saturno nella bilancia consentono ad Alberto di controllare i propri istinti e di condurre una vita normale, studi, svaghi, fidanzata.
In Chiara lui ravvisa un'immagine materna,come vuole la sua luna toro casa VII, che lo protegge, lo avvolge, si prende cura di lui (è più grande di 2 anni), ma forse non lo soddisfa in tutte le sue esigenze.
E così quello stellium in cancro torna ogni tanto ad affacciarsi alla sua coscienza spingendolo a navigare in siti proibiti.
Che cosa vuole l'ottava? Il compito primario di chi possiede uno o più pianeti personali in casa 8 è prendere coscienza dell'ombra cioè della parte meno luminosa e più problematica di sè stessi attraverso la gestione della aggressività, della sessualità, della brama di potere. il sole in casa 8 è sempre chiamato a vivere esperienze in un certo senso "estreme" che irrompono prepotentemente nella vita e lo costringono a "vedere" i problemi che devono essere affrontati.
Se ciò non avviene la personalità resta inquinata da scorie che impediscono all'io di brillare e di far valere le sue grandi potenzialità (il tesoro nascosto).
Probabilmente Alberto non è stato in grado di affrontare questo lato ombra, anzi ne era terrorizzato.. E Chiara potrebbe averlo scoperto?
Chiara Poggi è un ariete anche lei con uno stellium composto da venere/sole/marte in casa 12 opposti a giove/saturno bilancia in casa 6. L'ascendente è toro e la luna aquario al Mc. Urano retrogrado occupa la VII casa in scorpione.
L'aspetto esteriore di Chiara fatto di dolcezza e accoglienza ( asc toro)soddisfa il bisogno della luna toro di Alberto. Venere maestra dell'ascendente si trova in ariete bloccata da saturno..Anche lei non riesce ad esprimere appieno le sue esigenze personali a causa di un'educazione rigida e piuttosto legata alle convenzioni. Il suo tema chiede una forte autonomia e una realizzazione nel sociale oltre che libertà nelle relazioni (urano VII). Chiara è già laureata quando viene uccisa e fa la stagista in un'azienda di Milano. Alberto invece sta preparando la tesi alla Bocconi.
Il giorno dell'omicidio è soprattutto la venere di Stasi ad essere interessata dai transiti: plutone sagittario si congiunge a nettuno radix formando un trigono con venere leone di transito e radix entrambe congiunte a saturno leone di transito e quadrate alla luna toro radix..Anche la luna in leone è coinvolta nel transito e questo è un elemento importante poichè governa il sole cancro di Alberto.
Nettuno transitante in aquario si oppone a questo stellium leonino e urano di transito sta retrogradando in pesci trigono al sole radix.
Non dimentichiamo che Stasi ha Urano e Giove congiunti in sagittario in casa I quindi può andare soggetto a reazioni improvvise quando sente minacciata la propria immagine. Tanto più che quel giorno marte transita in gemelli opposto ai suddetti pianeti sagittario. Questi transiti potrebbero aver costituito un detonatore per lo stellium cancerino di Stasi? Se Chiara avesse scoperto i segreti del fidanzato non avrebbe potuto sicuramente tacere visto il suo stellium arietino sollecitato quel giorno anche da marte gemelli (aggressione verbale?) di transito in casa I. Il mondo interiore di Alberto sarebbe andato facilmente in pezzi se non più supportato dall'accettazione incondizionata di Chiara e della sua famiglia.
Movente labile si dirà, ma non se si considera la fragile personalità di questo ragazzo.. La Cassazione dovrà decidere se ci sono elementi sufficienti per celebrare un nuovo processo di appello. Probabilmente la decisione sarà positiva visti i  transiti che attualmente coinvolgono Stasi: lo stellium arietino di transito sta quadrando i suoi pianeti radix in casa 8 stimolati anche da plutone in opposizione dal capricorno. Nettuno dai pesci quadra giove/urano radix e saturno  in scorpione dimora ormai stabilmente in 12 casa.
I tempi sono maturi per giungere ad una verità? Vedremo.

Follow by Email

Translate